Formazione e aggiornamento: le chiavi per essere competitivi

Milano, 9 novembre 2017 – I professionisti della security sono al centro del cambiamento in un momento in cui la sicurezza diventa sempre più trasversale in ogni campo e ad ogni livello e spesso integrata nei sistemi di gestione intelligente degli edifici e delle infrastrutture. Chi progetta e installa sistemi di sicurezza e videosorveglianza è chiamato, infatti, non solo a rispondere ad esigenze sempre più specifiche, in un dialogo continuo con le aziende, i project manager e l’utente finale, ma anche a prevedere sistemi complessi integrati su security, energy, safety e social information. Il progettista e l’installatore diventano dei “consulenti” in grado di suggerire le soluzioni più adeguate, stabilendo con il cliente un rapporto di fiducia continuativo.

Aggiornarsi diventa, così, fondamentale: SICUREZZA 2017, a Fiera Milano dal 15 al 17 novembre, in collaborazione con le principali associazioni di settore, editori e aziende, dedica oltre 100 appuntamenti a queste figure professionali, offrendo loro l’occasione per confrontarsi sui temi più caldi del momento, fare il punto sull’andamento del settore e studiare le nuove tecnologie a disposizione. Un programma di alto livello, che in diversi casi darà diritto a crediti formativi per il mantenimento della certificazione degli esperti di impianti di allarme intrusione e rapina, per periti industriali e periti industriali laureati o per ingegneri e architetti, che in fiera potranno adempiere all’obbligo formativo e rafforzare il proprio profilo professionale.

PROPOSTE SU MISURA
In un mercato che non guarda più al prodotto stand alone, ma a soluzioni customizzate pensate per ogni differente contesto, non potevano mancare appuntamenti focalizzati sulla integrazione tra le diverse tecnologie e proposte verticali pensate su misura per contesti specifici.

Di sicuro le città e i centri urbani sono contesti potenzialmente a rischio, ma il concetto di sicurezza urbana sta assumendo un significato sempre più ampio: è una sfida che già da qualche anno la PA si trova ad affrontare e che, con l’avvento delle smart cities, allarga ulteriormente i suoi confini, inserendosi in un sistema complesso che deve essere in grado di gestire tutte le diverse funzionalità della metropoli, non solo lotta alla criminalità, ma fruibilità dei servizi, diffusione delle informazioni, mobilità, attenzione al risparmio energetico e all’ambiente. Un argomento caro a SICUREZZA, che quest’anno si concretizzerà in particolare in due appuntamenti: uno organizzato da ANCI Lombardia in collaborazione con Fiera Milano, che prevede anche la presentazione dei dati di una ricerca condotta presso i Comuni Lombardi, e l’altro durante il quale verranno illustrati i lavori svolti dall’Osservatorio sulla realizzazione dei modelli di Smart & Safe City nelle città italiane, che si propone di misurare nel tempo il grado di implementazione dei requisiti previsti dallo schema di certificazione internazionale ISO 37120 proposto alle amministrazioni delle città e delle regioni che parteciperanno al progetto.

Nella gestione delle città cresce anche il ruolo della vigilanza privata, che si delinea sempre più come valido supporto alle attività delle Forze dell’Ordine: a SICUREZZA si parlerà del suo ruolo nella gestione dei fenomeni migratori, ma anche di obblighi normativi, ambiti di impiego e nuove opportunità per questi professionisti.

Il Security for Retail, giunto alla sua terza edizione, affronterà invece tematiche legate alla sicurezza dei negozi e centri commerciali e della gestione del denaro: un momento di confronto tra i professionisti del retail e i produttori di tecnologie, nonché una panoramica sulle soluzioni su misura per ogni tipologia di punto vendita e le soluzioni verticali dedicate. L’evento sarà inoltre l’occasione per far incontrare “nuove idee con nuove esigenze” e per presentare i risultati preliminari della ricerca sulle Differenze Inventariali settore Retail in Italia realizzato da Crime&Tech (Università Cattolica Milano) e dal Laboratorio per la Sicurezza.

LA SFIDA AL TERRORISMO
Nel 2017 non poteva mancare, in un evento dedicato alla sicurezza, un momento di riflessione sull’antiterrorismo e le nuove strategie per fronteggiare minacce che possono interessare tutti i livelli e in particolare le infrastrutture, le aree considerate più a rischio e i centri urbani. Se ne parlerà direttamente o indirettamente in molti degli incontri in programma, sia dal punto di vista strategico, sia da quello tecnico, presentando soluzioni specifiche per le diverse situazioni: esperti e ricercatori specializzati nella lotta al terrorismo si confronteranno sulle misure in atto nel nostro Paese per prepararsi a fronteggiare minacce così insidiose da sembrare inevitabili e valuteranno se vi siano ulteriori strumenti e procedure che dovrebbero essere adottati per scongiurare futuri attacchi.

CYBERSECURITY E INTELLIGENZA ARTIFICIALE
In un settore in cui l’integrazione tra sistemi e il dialogo tra tecnologie è diventato una realtà non si può fare a meno di riflettere sulle ricadute in termini di sicurezza: non solo infatti sicurezza fisica e logica convergono, ma la security diventa elemento chiave per garantire protezione, monitoraggio costante in ogni ambito, privacy e anche efficienza e miglioramento delle performance. Parlare di cybersecurity è quindi una priorità, che si tratti di prevenzione di attacchi hacker, cybercrime, gestione della sicurezza e della vulnerabilità dei dati nei sistemi IoT fino ad arrivare a tematiche più tecniche.

Dall’internet delle cose alle macchine intelligenti e capaci di analisi avanzate il passo è breve: ecco che SICUREZZA 2017 propone anche dei momenti per riflettere sul futuro dell’intelligenza artificiale e le ricadute che lo sviluppo di questa tecnologia – che è già una realtà – potrà avere nella protezione di cose, persone e dati.

PRIVACY, NORMATIVE E PROFESSIONI
L’adeguamento alla normativa e le certificazioni sono elementi distintivi di un professionista serio. Una serie di incontri saranno dunque dedicati ai numerosi cambiamenti che stanno rivoluzionando il comparto, primo tra tutti la privacy: con la recente entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo, il mercato della security e i suoi professionisti sono infatti chiamati ad adeguarsi, ma soprattutto ad aggiornarsi sulle principali ricadute che riguardano la videosorveglianza e la responsabilità dei singoli installatori, progettisti e conseguentemente di tutte le imprese. La nuova normativa richiede a chi realizza e gestisce videosorveglianza lo sviluppo di sistemi di alert e controllo che consentano di ottemperare ai nuovi obblighi in tempi rapidi, pena pesanti multe che possono arrivare a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato per gli inadempienti.

In aiuto delle aziende, si stanno formando nuove figure professionali, che la stessa legge prevede e che presto saranno sul mercato: si tratta del Data Protection Officer (DPO) che diventa in azienda il referente della gestione dei dati. Secondo le stime dell’Osservatorio di Federprivacy, l’applicazione della normativa genererà la richiesta di ben 45.000 esperti tra “DPO” e consulenti in materia di data protection.

Di tutto ciò si parlerà in modo ampio nell’ambito dell’iniziativa dedicata W la Privacy, ma non mancheranno, all’interno del palinsesto formativo di SICUREZZA, ulteriori approfondimenti verticali, come quello sulla videosorveglianza sul posto di lavoro e lo statuto dei lavoratori.

Tanti saranno inoltre, nel corso delle tre giornate di manifestazione, gli appuntamenti sulla evoluzione delle figure professionali, le certificazioni e la normativa, il nuovo ruolo di installatori e security manager, le soft skill che il nuovo ruolo di “consulente di sicurezza” impone.

UNA RIFLESSIONE DEDICATA AI PROGETTISTI
Per andare incontro alle esigenze del target specifico dei progettisti, quindi ingegneri e architetti, SICUREZZA per la prima volta, insieme a Smart Building Expo, propone una offerta convegnistica interamente costruita sulle loro esigenze professionali.

Il ciclo di incontri, La rivoluzione digitale del costruire-BIM: Innovazione impiantistica e progettazione, attraverso tre appuntamenti che si svolgeranno nei pomeriggi del 15, 16 e 17 novembre, rappresenta un vero e proprio “corso gratuito” che darà diritto a crediti formativi professionali.

Organizzati da Euroconference e Pentastudio, con il patrocinio e la partecipazione del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, in collaborazione con la rivista Ingenio e Fiera Milano, i tre convegni spazieranno dal BIM, strumento principe per l’integrazione degli impianti e per la loro corretta manutenzione, al BMS (Building Management System) che, grazie alla sensoristica, monitora e gestisce l’edificio in molteplici aspetti come lo stato dell’aria nell’ambiente, il numero e la qualità degli accessi, i parametri energetici e legati al comfort, ed infine al tema cruciale della security dei dispositivi.

Interverranno nel corso dei tre appuntamenti figure di spicco del mondo accademico, professionale e istituzionale, per fare il punto sulla normativa e le library, le conseguenze della digitalizzazione e della diffusione dell’IoT, sia in termini di progettazione che di tutela dei dati, ma anche per capire a che punto sia la pubblicazione del cosiddetto Decreto BIM che dovrebbe regolamentarne l’applicazione obbligatoria nell’ambito degli appalti pubblici.

L’ANTINCENDIO
In parallelo a una proposta espositiva più ampia, cresce l’offerta convegnistica sul tema antincendio che da molti anni accompagna la manifestazione e che, mai come quest’anno, si rivela di grande attualità. Un settore in cui non solo le tecnologie giocano un ruolo importante, ma anche il fattore umano: la formazione e l’aggiornamento del personale addetto è quindi fondamentale e a loro sono dedicati alcuni incontri per riflettere sulla professione e per conoscere le nuove soluzioni che il mercato mette a disposizione. Si parlerà di aspetti tecnico-normativi, manutenzione periodica, rapporto cliente-fornitore.

2017-11-24T12:11:31+00:00